• Novembre trema tutto, dicembre seppellisce l’anno – (Nuvembar è trema tot, dizembar’e spless l’an).
    (Proverbio)
  • Siamo più vicini alla primavera
    di quanto siamo stati nel mese di settembre,
    Ho sentito un uccello cantare
    Nel buio del mese di dicembre.
    (Oliver Herford)
  • Com’è che si è fatto tardi così presto? Prima che sia pomeriggio arriva già la sera. Dicembre viene prima di Giugno. Il tempo è volato via lesto.
    (Dr. Seuss)
  • Sta crescendo il freddo. L’inverno sta posando i suoi piedi nel prato. Di quale freddezza brucia il nostro sole! Si potrebbe dire che i suoi raggi di luce sono schegge di neve.
    (Payne Roman)
  • Ma ci fu dunque un giorno
    Su questa terra il sole?
    Ci fur rose e viole,
    Luce, sorriso, ardor?
    (Giosuè Carducci)
  • A Dicembre, giornate corte, lunghe notti.
    L’ape tace, il giunco geme.
    (Proverbio francese)
  • Il respiro invernale di dicembre sta già offuscando lo specchio, ghiacciando la cornice, oscurando la memoria dell’estate …
    (John Geddes)
  • Stanco son io di splendidi
    Cieli e fronzute piante;
    Mi annoia lo spettacolo
    Di una bellezza costante;
    Venga il dicembre, ed operi
    Un cambiamento a vista:
    (Emilio Praga)
  • Questi sono i giorni amati dalla Renna
    appare luminosa la stella del Nord
    questo è l’obiettivo del sole
    e la Finlandia dell’anno
    (Emily Dickinson)
  • Vuoi amarmi nel mese di dicembre, come si fa a maggio,
    Vuoi amarmi alla vecchia maniera?
    Quando i miei capelli sono diventati tutti grigi,
    Vuoi baciarmi e poi dire,
    Che tu mi ami nel mese di dicembre, come si fa Maggio?
    (James Walker)
  • In una notte cupa di dicembre
    Troppo felice albero felice
    I tuoi rami non ricordano più
    La loro verde felicità.
    (John Keats)
  • Nuvole di settembre – Pioggia di novembre – Gelo di dicembre.
    (Anonimo)
  • Dio ci ha donato la memoria, in modo da poter avere le rose anche a dicembre.
    (James Matthew Barrie)
  • Vedere ancor due roselline, oggi,
    a mezzo dicembre, mi pare un inganno
    degli occhi, un prodigio, trovar queste
    povere due roselline.
    (Francesco Chiesa)
  • E se facessimo che dopo il 31 agosto c’è il 24 dicembre e poi si può andare direttamente al 15 di giugno senza passare dal via…
    (Anonimo)
  • Una cosa facile da avere a Dicembre, è il sangue freddo.
    (Alphonse Allais)
  • Dicembre.
    Qua e là per la campagna irti si drizzano
    al cielo i rami delle piante esauste.
    Piove; incombe sull’ampia solitudine
    desolata, il silenzio.
    (Vittoria Aganoor)
  • Vieni, vieni tu, vento rapace di dicembre!
    E soffia, soffia via le foglie secche dall’albero!
    (Samuel Taylor Coleridge)
  • La terra addormentata conosce
    il proprio splendore.
    Le sopracciglia brinate del cielo
    sono piene di stelle.
    (Olav H. Hauge)
  • la neve è bianca come il sale,
    la neve è fredda, la notte è nera
    ma per i bimbi è primavera:
    soltanto per loro, ai piedi del letto
    è fiorito un alberetto.
    (Gianni Rodari)
  • Venditore. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi?
    Passeggere. Almanacchi per l’anno nuovo?
    Venditore. Si signore.
    Passeggere. Credete che sarà felice quest’anno nuovo?
    Venditore. Oh illustrissimo si, certo.
    Passeggere. Come quest’anno passato?
    Venditore. Più più assai.
    Passeggere. Come quello di là?
    Venditore. Più più, illustrissimo.
    Passeggere. Ma come qual altro? Non vi piacerebb’egli che l’anno nuovo fosse come qualcuno di questi anni ultimi?
    Venditore. Signor no, non mi piacerebbe.
    Passeggere. Quanti anni nuovi sono passati da che voi vendete almanacchi?
    Venditore. Saranno vent’anni, illustrissimo.
    Passeggere. A quale di cotesti vent’anni vorreste che somigliasse l’anno venturo?
    Venditore. Io? non saprei.
    Passeggere. Non vi ricordate di nessun anno in particolare, che vi paresse felice?
    Venditore. No in verità, illustrissimo.
  • Termina un anno
    felicemente. Felicemente
    un altro inizia.
    Esco nella strada un’altra volta.
    I polsi pieni di vitalità.
    Il cuore che chiede una volta ancora.
    (Sandra Cisneros)
  • La neve cade, la neve cade,
    la neve cade e ogni cosa è in subbuglio:
    il pedone imbiancato,
    le piante sorprese,
    la svolta del crocicchio.
    (Boris Pasternak)
  • È proprio magica l’atmosfera natalizia che si respira per strada a dicembre, fa sentire i felici più felici e gli infelici più infelici.
    (samanthifera, Twitter)
  • Dalla noia cacciato dalla mia stanza
    Erravo lungo le vie
    Faceva un tempo di dicembre
    Vento freddo, pioggia fine e nebbia.
    (Théophile Gautier)
  • I baci ci rimangono soltanto,
    baci così pelosi come l’api,
    che muoiono lasciando l’alveare.
    E ronzan nelle notti di dicembre.
    (Osip Mandel’štam)
  • In una notte cupa di dicembre
    Troppo felice felice ruscello
    Le tue acque non ricordano
    Lo sguardo caldo del sole
    E nell’oblio trattengono
    Tormenti di cristallo.
    (John Keats)
  • I giorni, i mesi, gli anni,
    dove mai sono andati?
    Questo piccolo vento
    che trema alla mia porta,
    uno a uno, in silenzio,
    se li è portati via.
    (Diego Valeri)
  • Il seme è poco, ma fa tanto grano:
    ed il buon Sole per un anno sano
    semina, o genti, il giorno suo più breve.
    (Giovanni Pascoli)
  • Dicembre nevoso, anno fruttoso
    (Proverbio)
  • Dicembre a Porta Nuova
    ognI cosa decade con più fretta
    e non mi duole l’alito d’ombra
    che mi gela la fronte.
    Sopra la spalletta curvo m’assale
    il vento dalla buca del ponte.
    (Leonardo Sinisgalli)
  • Il volto
    di stanotte
    è secco
    come una
    pergamena
    (Ungaretti, Napoli 26 dicembre 1916)
  • Graziosa neve novella
    tu che arrivi dal cielo
    dicci dicci o bella
    ohè ohè ohè
    Quando a Natale
    cadranno di lassù
    i tacchini di Natale
    con i loro piccoli
    ohè ohè èho!
    (Jacques Prevert)
  • Dove sono i bambini che non hanno
    l’albero di Natale
    con la neve d’argento, i lumini
    e i frutti di cioccolata?
    Presto, presto, adunata, si va
    nel pianeta degli alberi di Natale,
    io so dove sta.
    (Gianni Rodari)
  • Cos’è allora il Natale? Andando a messa, domenica scorsa, ho visto sullo spiazzo davanti alla chiesa dei cartoni sparpagliati, che le automobili dei fedeli, compresa la mia, continuavano a investire. So bene cosa sono quei cartoni: sono il letto di qualcuno che passa le notti fredde e piovose di dicembre all’addiaccio, ridosso al colonnato.
    (Salvatore Mannuzzu)
  • Dicembre.
    Dalla profondità dei cieli tetri
    scende la bella neve sonnolenta,
    tutte le case ammanta come spettri;
    di su, di giù, di qua, di là, s’avventa,
    scende, risale, impetuosa, lenta,
    alle finestre tamburella i vetri..
    (Guido Gozzano)
  • I castagnai dei bastioni
    Di nuovo accendono i fuochi.
    La giostra della nebbia
    I lumi di Porta Venezia.
    Seduta al parapetto
    Mi parli all’orecchio.
    L’odore di neve,
    le tue parole.
    Piove non piove.
    (Raffaele Carrieri)
  • Avrei voglia di andare anch’io in qualche posto con tanta gente, ma mi fa freddo uscire al di fuori di me.
    (Valentina Diana)
  • Detesto “Jingle Bells”, “White Christmas”, “Rudolph la renna dal naso rosso” e la cifra folle di spese che sembrano occupare non solo il mese di dicembre, ma novembre e anche gran parte del mese di ottobre.
    (Richard Dawkins)
  • È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti. Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese.
    (Charles Bukowski)
  • L’annata lava con la pioggia il suo cadavere.
    Il tempo ha un abito da povero.
    L’anima mia è un orto senza chiave.
    I miei pensieri sono come gigli in un ricovero.
    (Corrado Govoni)
  • Dicembre. Fa freddo e secco. Sento i morti che si avvicinano a noi, sento le ossa delle foglie morte fare rumore sotto i piedi di luce. L’inverno fa il lavoro dei grandi maestri: semplifica.
    (Christian Bobin)
  • Neve dicembrina per tre mesi ti sta vicina.
    (Proverbio)

Posta un commento

Translate

Popular Posts

Blog Archive

ATTENTION

Da premettere chiaro che questo è un blog dove raccoglie anche materiale in WEB compresi i miei lavori che vedo altrove e che mai chiedo rimozione o diritto di proprietà anzi GRAZIE sono molto fiera e contenta di condividere e vedere le mie creazioni di immagini e pensieri personali in tutto il web...a differenza di chi chiede diritti e rimozione...non ho parole!
quindi cari proprietari leggetevi questo....

© Alcuni materiali sono di proprietà
e il copyright dei rispettivi proprietari

Disclameir

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

MusicLoveSilence.... Powered by Blogger.